A COSA SERVE

La dichiarazione di successione serve a dichiarare all’amministrazione finanziaria l’entità del patrimonio del defunto, così da consentire allo stato di applicare le relative imposte.

La presentazione della dichiarazione entro 12 mesi dalla morte del de cuius è obbligatoria, salvo esenzioni, e l’inadempimento può comportare l’applicazione di sanzioni.

La denuncia di successione deve essere presentata su apposito modello a pena di nullità e si considera come non presentata.

Dal 1° gennaio 2019 è diventata obbligatoria la presentazione telematica della successione con il nuovo modello .

In questo caso è possibile  ottenere una copia conforme digitale della dichiarazione, dotata di apposito glifo, che consente alla banca di verificarne la conformità tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate. Ove occorressero altre copie conformi, sarà necessario richiederle in formato cartaceo in qualsiasi ufficio dell’Agenzia delle Entrate.

Solamente nel caso in cui il decesso sia avvenuto in data anteriore al 3 ottobre 2006 o si debbano presentare dichiarazioni modificative, integrative o sostitutive di una denuncia presentata con il  modello 4 occorre continuare ad utilizzare lo stesso modello.

Solo in questi casi la dichiarazione di successione può essere presentata in formato cartaceo, presso l’Agenzia delle Entrate territorialmente competente, ossia quella nella cui circoscrizione era fissata l’ultima residenza del defunto. Se la residenza era all’estero o ignota la competenza è dell’ufficio di Roma. Nel caso di residenza straniera, ma il de cuius sia stato precedentemente residente in Italia, la competenza è quella di tale ultima residenza italiana.

Tipi di dichiarazioni

La prima dichiarazione può essere seguita da altre dichiarazioni la cui presentazione può rendersi necessaria a causa di cambiamenti, omissioni, errori inerenti alla prima. Le successive dichiarazioni che devono eventualmente presentarsi sono tutte sostitutive e si classificano, in base al loro contenuto in:

  • sostitutiva 1” per ogni modifica che comporta nuova trascrizione e voltura catastale;
  • sostitutiva 2” per ogni modifica che non comporta nuova trascrizione e voltura catastale, come ad esempio quando deve essere aggiunto un conto corrente prima omesso;
  • sostitutiva 3” per integrare o modificare gli allegati.

Nel caso in cui nella prima dichiarazione di successione siano state liquidate le imposte in autoliquidazione è bene indicare nelle successive sostitutive le imposte già pagate, in modo da poter utilizzare il credito d’imposta, onde non dover ricorrere alla richiesta di rimborso.

La dichiarazione, ove siano presenti immobili, viene trascritta d’ufficio presso i Registri Immobiliari competenti, con sola funzione di pubblicità notizia. Tale trascrizione non comporta accettazione tacita dell’eredità, come neppure la presentazione della dichiarazione all’ufficio.

Ricordo invece che la voltura catastale degli immobili in favore di eredi può comportare accettazione tacita dell’eredità per chi ha chiesto la voltura, con tutto ciò che ne consegue, come ritenuto dalla prevalente giurisprudenza.

 

Come fare

Ecco tutti i passaggi per presentare la dichiarazione di successione all'Agenzia delle Entrate in modo semplice e veloce.

  • Primo contatto

    Primo contatto

      Mi contatti al telefono, via fax, via mail o vieni direttamente in studio e mi dai le prime indicazioni su chi sono gli eredi e da cosa è composta l’eredità. Seduta stante ti fornirò le prime informazioni sulla dichiarazione di successione e sui tributi da pagare.

  • Preparazione documentazione

    Preparazione documentazione

    Sulla base di quanto mi hai riferito ti farò avere subito l’elenco della documentazione occorrente e le istruzioni per ottenerla, i moduli da compilare.

  • Studio della pratica

    Studio della pratica

    Una volta che mi avrai fatto avere tutti i documenti ed i moduli compilati provvederò entro 10 giorni a istruire la pratica ed inviarla all’Agenzia delle Entrate competente.

  • Presentazione dei documenti all’Agenzia delle Entrate

    Presentazione dei documenti all’Agenzia delle Entrate

    Ti consegnerò poi la dichiarazione di successione con le debite ricevute di presentazione, unitamente a quelle per le volture catastali, ove effettuate. Ti consegnerò anche le copie conformi della dichiarazione da utilizzare per lo svincolo dei rapporti bancari.

Hai qualche domanda?

Tutte le informazioni dettagliate si trovano nelle FAQ.

Tutte le FAQ  Hai una domanda?