Blog Tutto quello che c'è da sapere sulle successioni

pexels-photo-164686.jpeg

Passività deducibili

Tutti i debiti del defunto esistenti alla data del decesso, le spese mediche e funerarie. Perché le passività siano deducibili occorre che siano rispettate alcune regole.

Passività deducibili in dichiarazione di successione

 

Tutti i debiti del defunto esistenti alla data del decesso, le spese mediche e funerarie.

Perché le passività siano deducibili occorre che siano rispettate le seguenti regole:

● I debiti devono risultare da atto scritto con data certa anteriore all’apertura della successione o da provvedimento giudiziale passato in giudicato.

● I debiti inerenti le imprese devono risultare dalle scritture contabili obbligatorie regolarmente tenute. Se il defunto non era obbligato alla tenuta delle scritture basta che i crediti verso di lui risultino dalle scritture obbligatorie dei creditori.

● I debiti derivanti da lavoro subordinato, compreso TRF e trattamenti previdenziali integrativi sono deducibili nell’ammontare maturato alla data di apertura della successione, anche se il rapporto continua con eredi e legatari.

● I debiti verso lo stato, enti pubblici territoriali e enti pubblici che gestiscono forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale (INPS – INAIL – Case), esistenti alla data di apertura della successione, nonché i debiti tributari, il cui presupposto si è verificato anteriormente alla stessa data, sono deducibili anche se accertati successivamente.

● Tra i debiti deducibili rientrano anche le some dovute al coniuge divorziato.

● I debiti contratti dal defunto per l’acquisto di beni sono deducibili solo se i beni cadono in successione e se solo una parte dei beni vi ricade la deducibilità è proporzionale al valore di tale parte.

● I debiti contratti dal defunto negli ultimi 6 mesi di vita sono deducibili solo se il relativo importo è stato impiegato nei modi indicati dall’art. 10 comma 3 lett. d), e) ed f) TUS. La limitazione non opera per debiti contratti nell’esercizio di impresa o professione.

● Le spese mediche e chirurgiche, comprese le spese per ricoveri, medicinali e protesi, relative al defunto negli ultimi 6 mesi di vita, sostenute dagli eredi.

● Le spese funerarie entro il limite di euro 1.032,00.

 

Sono detraibili le imposte pagate a uno stato estero, in dipendenza della medesima successione ed in relazione ai beni esistenti in tale stato, fino a concorrenza della parte dell’imposta di successione proporzionale al valore dei beni stessi.

I debiti, perché possano essere portati in deduzione, devono essere dimostrati con documenti da allegare alla dichiarazione di successione.

 

 

Avv. Riccardo Gallenga

GALLENGA STUDIO LEGALE 50129 Firenze, viale Spartaco Lavagnini 43 tel. +39 055 483142 fax +39 055 0763490 INFO@AVVGALLENGA.COM INFO@PEC.AVVGALLENGA.COM

Add your comment

Related Posts